AXOS at ATIPICI : intervista shot & answer powered by ELLESSE

AXOS at ATIPICI : intervista shot & answer powered by ELLESSE

axos intervistaGiovedì scorso, prima del suo incredibile live all’Hiroshima Mon Amour, Axos è passato da noi, insieme agli amici di ELLESSE, per scambiare due chiacchiere con i fan e fare due tiri a calcetto. 

Noi di Atipici ne abbiamo approfittato per fargli qualche domanda proprio mentre sfidava i fan in un infuocato torneo di calciobalilla al secondo piano dello store di Via Pietro Micca 2.

Ecco cosa è emerso, tra un tiro in porta e l’altro.


axos intervista instore


Q. Axos, tu sei un rapper “atipico” perché professi un’anima profondamente Rock, non così vicino al contesto Hip Hop che naturalmente si accompagna al rap; qual è il tuo background?


A. Da piccolo ascoltavo principalmente tutto quello che era chitarra rock, molto suonato... Ho ascoltato moltissimo epic metal, sin dall’età di 9 anni. Possiamo dire che questo sia il mio background principale. Attualmente suono con una band e mi piace moltissimo. Ho come il costante bisogno di avere la musica suonata nelle orecchie...spesso arrivo a togliermi gli in-ear durante il live per sentire la band che suona. 


Q. Al netto di questo background, come hai scoperto il rap?


A. Non so esattamente come l’ho scoperto...diciamo che ho iniziato a scrivere ed ho iniziato a farlo in rima. Mi affascinava tutto quello che poteva avere un flow.


Q. I tuoi riferimenti religiosi ( “ Liberami dal male “, “ I saw God on the Road Trip “ e le citazioni di Geremia 17.5 ) fanno pensare ad una componente spirituale molto forte. E’ una questione di religione ( sei la versione meneghina del Kanye di Jesus is king? ) o si tratta di una dimensione spirituale personale?


A. Non è assolutamente una questione religiosa...la religione è una cosa di qualcun altro mentre io sono per una appartenenza spirituale personale, intima. Diciamo che questo aspetto mi deriva da una tradizione familiare molto legata ad una dimensione spirituale piuttosto accentuata che, a volte, sfocia nella magia e nell’esoterismo.


Q. Parliamo invece di stile : come descrivi il tuo stile in materia di abbigliamento? Ti definiresti un hypebeast o uno sneakerhead?


A. Posso dire di non essere uno sneakerhead ma, senza dubbio, mi piace vestire con gusto e personalità, così che tutto abbia una sua eleganza. Non ho uno stile preciso ma mi piace rispondere ai miei canoni di eleganza.

axos intervista instore

Top